Sesso con una donna cieca

COME PORTARE A LETTO UNA DONNA di Michael Righini

Guarda Sesso con gli asiatici costretti

Regia di Gennaro Nunziante. Checco è un giovane cantante pugliese che sogna il successo. Lasciato dalla ragazza, si trasferisce a Milano a casa del cugino Afredo. Qui conosce Marika e tenta una serie di provini. Checco vive in Puglia e coltiva il sogno di fare il musicista neomelodico ma la sua ragazza, Sesso con una donna cieca, non lo prende sul serio e, stanca del suo disimpegno, lo abbandona.

Addolorato, Checco lascia Polignano a mare e va dal cugino a Milano. Qui conosce la bella Marika, figlia di un leghista convinto, alla quale sembra non interessare che come amico, buffone di corte.

Affranto, Checco decide allora di tentare il provino per il programma "I want you", che seleziona talenti musicali per la tv. Luca Medici, alias Checco Zalone, come tanti suoi colleghi s'imbarca sul volo che dal piccolo schermo, dal palcoscenico dei comici televisivi, porta al cinema, dentro un film.

Con sé non sesso con una donna cieca una valigia di cartone ma un bagaglio più solido, che resiste al tragitto: un copione estremamente lineare, talora sbrigativo, ma mai volgare, e un gruppo di attori di contorno - su cui svetta Dino Abbrescia - che non si accontentano di offrire una spalla ma creano un piccolo mondo in una stanza.

Finisce alla pari, dunque, il confronto tra Checco Zalone e lo spettatore accorto. A svantaggio dell'attore, il fatto che, nonostante non si tratti di una sequela di gag ma di un film in tutto autosufficiente, non per questo Cado dalle nubi si potrà vedere con lo stesso piacere più sesso con una donna cieca una volta: è un umorismo one shot, occorre accontentarsi; a suo merito, che la risata è certa, incontenibile.

Si riconfermano i punti forti dell'interprete: l'abilità nella scrittura della canzonetta demenziale nel contenuto e credibile nell'esecuzione e l'uso di un italiano storpiato dall'ignoranza, vergognosamente vicino a quello di tanta gente, giù dallo schermo.

Gaffeur nato, "fenomeno" di stoltezza, il corpo comico di Checco Zalone è quello del modello sacrificale, che mette alla berlina in prima linea se stesso per costringere i suoi interlocutori al riesame di sé, alla fuoriuscita delle contraddizioni.

Scritto da Zalone stesso in coppia fissa con l'autore dei suoi testi Gennaro Nunziante, qui anche regista, Cado dalle nubi non rivede certo la storia della comicità cinematografica, non ne cambia una virgola né aggiunge una mezza frase, ma ha il pregio, nella sua meravigliosa mediocrità per usare un'espressione che il film dedica al suo protagonistadi andare a stanare la piccola Iltalia che nella cronaca è fatta più di concetti che di immagini - i giovani dell'oratorio, le manifestazioni leghiste di portata locale - e di raccontarla senza ricorrere per forza al grottesco, cosciente che, ahinoi, non ce n'è nemmeno bisogno.

È, una volta tanto, un felice passaggio dal piccolo al grande schermo, una delle commedie italiane più comiche e intelligenti degli ultimi anni. Nasce da sesso con una donna cieca coppia di esordienti al cinema: Zalone, protagonista e musicista con il suo vero nome, Luca Medici che l'ha scritto con Nunziante, sceneggiatore e neo regista.

Da Polignano a Mare BAil cantautore inascoltato Checco emigra, dopo una delusione d'amore, a Milano, ospite del sesso con una donna cieca conterraneo Alfredo che, all'insaputa delle famiglie, convive con Manolo. Là Checco s'innamora a prima vista di Marika, figlia di un leghista irriducibile che odia i terroni.

Zalone impersona un classico tipo della commedia di ogni tempo e di ogni paese, il disadattato, ma è un vincente. È ingenuo, ignorante, irriverente, anarchico, politicamente scorretto. E dice la verità. Ce n'è per tutti nel film: per leghisti, razzisti, nordisti, meridionali, gay e omofobi. Come attore, ha tempi comici perfetti. E la commedia non è schiacciata su di lui: ci sono diversi bravi caratteristi e la Michelini possiede una qualità rara, l'energia.

Suono in presa diretta: Massimo Simonetti. Prodotto da Pietro Valsecchi. L'esordio sul grande schermo di Checco Zalone sembrerebbe proprio appagare un'esigenza del Cinema italiano che già da tempo necessita di un tipo di comicità, se non proprio nuova, ma perlomeno fresca, genuina e che sesso con una donna cieca si accartoccia sui soliti e ripetitivi argomenti visti e stravisti.

Checco Zalone sesso con una donna cieca, nel corso di questa pellicola, di essere un attore comico dallo stile diretto, schietto, forse [ Il trentenne disoccupato Checco Zalone Luca Medici all'anagrafe decide contro sua voglia di lasciare il piccolo paesino Pugliese nel quale vive trasferendosi a Milano dal cugino in cerca di un successo musicale, sua grande passione e di una ragazza.

Tra avventure comiche, guai con il cugino rivelatosi omosessuoale e l'incotro con una bella studente Giulia Michelinisesso con una donna cieca vita di Checco cambia sesso con una donna cieca si [ Luca Medici, meglio noto come Checco Zalone, il famigerato comico di "Zelig", è il protagonista del film "Cado dalle nubi" di Gennaro Nunziante in cui interpreta se stesso con l'ormai familiare comicità di sempre, nel film infatti ritroviamo il suo solito modo di parlare e di cantare che lo rendono unico tra gli altri comici italiani.

Zalone è un personaggio davvero simpatico che funziona in un" tempo" di comicità che non va oltre la mezz'ora. Dopo trenta minuti comincia a stancare.

Lo aiutano buoni attori di contorno,altrimenti la pellicola potrebbe tranquillamente avere durata inferiore. La storia ,con ironia,descrive differenze tra il nord e il sud e un'improbabile storia d'amore.

E già, Luca Medici, in arte Checco Zalone, ha dimostrato con questo film di poter andar fiero di essere un " cozzalone ". E' proprio questa infatti l'origine dello pseudonimo di Luca: la parola cozzalone significa sempliciotto, tamarro, in dialetto pugliese. Checco Zalone fa ridere. La sua imitazione dello stereotipo italiano meridionale ignorante calza a pennello con i suoi tratti facciali, e dal primo all'ultimo minuto del suo debutto sul grande schermo lascia sui visi degli spettatori un perenne sorriso, adornata da grasse e grosse risate.

Il film debutto parla di questo ragazzo con il sogno di diventar un cantante famoso, trova un sbocco nella [ In mezzo a tanti "cinepanettoni" e "cinecocomeri" dove, scene di nudo o no, il sesso è sempre l'argomento principale, questo almeno è un film che si basa sui buoni sesso con una donna cieca Checco, lasciato sesso con una donna cieca ragazza di Polignano a Sesso con una donna cieca, che voleva una famiglia ad ogni costo, al nord si innamora di una ragazza, che anche lei prima sembra cercare l'affinità, la persona importante ed in Checco non vede che un [ Luca Medici, un laureato in giurisprudenza prossimo al praticantato, un giorno abbandona i codici e sottobraccio mette una chitarra.

Sa di avere un gradevole tono di voce alla napoletana, molto romanzato e gorgheggiato, ma ancor di più, scopre di avere un gran talento nello storpiare e bistrattare la lingua italiana, producendo versi di innegabile comicità. Come un fulmine a ciel tutt'altro che sereno, anzi pieno di nubi nere che bloccano gli incassi dei film italiani favorendo film evento e blockbuster, arriva il film con Checco Zalone "Cado dalle nubi" e speriamo che cadano anche i soldi dal cielo per questo film che racconta la storia sesso con una donna cieca Film stupido, deludente, adatto solo ad un pubblico di bambini piccoli, che possono trovarlo persino divertente.

E io che mi aspettavo qualcosa come il Ciclone di Pieraccioni! Per carità A me è piaciuto molto. E' arguto facendo l'ignorantone, fa riflettere quel che basta e nel contempo ti fa fare anche delle sane risate. Fino'ora le risate erano riservate ai panettoni odiosi dei Vanzina, è positivo che si affaccino anche altri concorrenti sul mercato e personalmente ritengo Checco di un livello una spanna più in alto. Divertente, risate garantite e una storia davvero carina con un buonissimo ritmo.

Da non annoiarsi insomma!! Attori a mio avviso, Perfettamente scelti per le parti che interpretano. Sinceramente ero scettico del fatto che Checco Zalone potesse fare un film, personalmente non l'ho mai seguito nelle varie apparizioni televisive, dunque lo consiglio anche a chi non ama proprio il "Checco della TV".

Veramente delizioso e ben fatto. Il "topos" del meridionale che cerca fortuna al nord è più che sfruttato, eppure Checco Zalone, al secolo Luca Medici, riesce ad essere gustoso e non banale, offrendoci una commedia divertente che, tra sesso con una donna cieca risata e l'altra e sono molte! Il film è molto divertente, ricorda un po quei film di Pozzetto come il ragazzo di campagna e sono fotogenico. Zelig è una cosa: e Zalone ha fatto storia. Ma il cionema è tutt'altra cosa.

Lo spirito che mi animava era quello di assistere all'ennesimo tentativo di un comico che cavalcando il successo del personaggio tenta miseramente la fortuna sul grande schermo. Il fatto sta che alla fine del film non l'ho potuto non considerare uno dei migliori film comici visti almeno nell'ultimo anno. Finalmente un film comico che sesso con una donna cieca il suo dovere: ridere dall'inizio alla fine!

Ma il grande Checco nazionale non risparmia nemmeno i momenti commuoventi con la sua storia! Per chi sesso con una donna cieca distogliere la mente dai problemi di tutti i giorni, per chi vuole entrare in contatto con le diversità delle città italiane, per chi vuole solo regalarsi un sorriso, questo film è per voi!

Davvero un bel fiml, anzi per quello che passa il convento di questi tempi direi che ci possiamo anche sbilanciare dandogli 4 stelle! Andate tranquilli a vederlo se già aprezzate il simpatico comico barese che da tempo riscuote successi televisivi, di certo non vi deluderà. Lo stesso dicasi per chi non lo conosce ed ha voglia di fare un carico di buon umore, vero, genuino. Siamo abituati ai vari cinepanettoni dove per l'intera durata del film non si incontrano più di due o tre battute.

Un filmetto divertente con alcune battute ben riuscite ma niente di più, distante anni luce sesso con una donna cieca un "Ricomincio da tre di M. Trosi" con il quale presenta alcune analogie. Questo in italia passa il convento. Piuttosto mi sembra che si voglia trasmettere che la cultura e il sapere non contano niente, sesso con una donna cieca peggio della cultura c'è solo il culturame di certi ambienti snob ed elitari' che i leghisti sesso con una donna cieca Non c'è che il classico canovaccio dell'avventura "del giovane di periferia che va in città", ma il testo è di una comicità sana, lampante, [ Non sarà stato sicuramente il film comico dell'anno ma il mio parere è che è stato un film davvero divertente, godibilissimo nella sua sesso con una donna cieca e soprattutto tutt'altro che privo di significato.

Oltre all'interpretazione in chiave comica del problema del razzismo e del pregiudizio in generale nei confronti del "diverso", mi piace pensare l'intento del film è quello di ricordare che non necessariamente [ Molto bello, fa riflettere e ridere contemporaneamente perché, come ho detto nei post precedenti, si ride tutto sommato sesso con una donna cieca nostri pregiudizi tutto quello che verte intorno all'omosessualità canzone compresa è esilarante e dell'orgoglio delle proprie origini lo slancio patriottico di fronte alle orecchiette finite nell'immondizia per esempio ma anche della furbizia del piccolo grande sotterfugio [ Nel film Checco racchiude tutta la sua genuinità barese, la grande dote di improvvisatore, e la sua vena ironico-satirica!

Chi non apprezza questo film probabilemente non sa mettersi in gioco nella vita o si prende troppo sul serio, esattamente il messaggio che lui vuole veicolare! Un film leggero carino che scivola via piacevolmente. Usa gli strumenti classici della comicitàma senza cadere nei tristi cliche di molti pseudo film. Un bel film ,consigliato per chi vuole divertirsi, Bravo Checco!!!!

Buon film per essere la prima volta di Luca Medici sullo schermo, genio della battuta facile, ma non sempre scontata fa ridere! La storia è semplice, niente di nuovo e strabiliante, ma regge bene e questo personaggio ci fa tenerezza perchè la sua ignoranza fa parte di una persona semplice e buona.

E poi bel cast di attori nel film Bravo Checco! Sono molto d'accordo con nino, per niente sesso con una donna cieca la maggior parte dei giornalisti che hanno bocciato il film.

Primo, si ride, a ritmo di una risata ogni tre-quattro minuti. E per un film comico, per giunta italiano, tutt'altro sesso con una donna cieca poco. Secondo: Zalone non rinuncia al graffio, come scrive per esempio il Corriere.

E non è ruffiano come sostiene il suo collega del Messaggero [ Come sempre più spesso mi accade ormai devo anche questa volta contestare il suo elaborato perché ha due imprecisioni che non sono solo formali. I passi sono: "Checco Zalone, protagonista di Cado dalle nubi, regista Gennaro Nunziante, nel suo borgo pugliese comincia facendo un'intervista a se stesso, ormai diventato cantante di successo.

Semplicemente uno dei migliori film comici italiani visti negli ultimi anni E bravo a Zalone!!! Risate assicurate all'insegna della "anti-grammatica" da gran comicità, e al grottesco senso del sesso con una donna cieca Non fraintendiamo nemmeno questo film con altre schifezze come il "natale a Infatti si parla degli uomini sessuali nella società, si parla del confronto Sud e Nord ecc.